header image
H O M E
- - - - - - -
R U B R I C H E
T E M I
V I D E O P E N S I E R I
CANTI DI MEDITAZIONE
- - - - - - -
AS VIAS DO ESPIRITO (En lingua portuguesa)
- - - - - - -
THE WAYS OF THE SPIRIT (In english language)
- - - - - - -
LOS CAMINOS DEL ESPIRITU (En idioma español)
- - - - - - -
WEGE DES GEISTES (Deutsch Sektion)
- - - - - - -
MARIOLOGIA
CATECHESI
SPIRITUALITA'
ARTE SACRA
- - - - - - -
CHI SIAMO
C O N T A T T A C I
L I N K S
LA PARTNERSHIP
FRIENDSHIP - Comments
FRIENDSHIP - Comments
- - - - - - -
RICERCA SUL SITO
- - - - - - -
(New) COOKIE POLICY
- - - - - - -
I NOSTRI BANNER
- - - - - - -
Licenza d'uso del portale
CANTO DI GIOIA

Buon Pastore

Il Signore è il mio Pastore:
non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi
fa riposare,
ad acque tranquille
mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida
per il giusto cammino,
per amore del suo nome.
Se dovessi camminare
in una valle oscura,
non temerei alcun male,
perchè tu sei con me,
Signore.

Canto di gioia

 

SOFFERENZA

Passione di Cristo

"Dio mio, Dio mio,
perchè mi hai
abbandonato?
Tu sei lontano
dalla mia salvezza":
sono le parole del
mio lamento.
Dio mio, invoco di
giorno e non rispondi,
grido di notte e
non trovo riposo.
Io sono verme,
non uomo,
infamia degli uomini,
rifiuto del mio popolo.
Da me non stare
lontano,
poichè l'angoscia
è vicina e nessuno
mi aiuta.

Sofferenza

PANE DI VITA

Pane di Vita

Frumento di Cristo
noi siamo
cresciuto nel sole di Dio,
nell'acqua del fonte
impastati,
segnati dal crisma
divino.
Cibo e bevanda di vita,
balsamo, veste, dimora,
forza, rifugio, conforto,
in te speriamo.
Illumina col tuo Spirito
l'oscura notte del male,
orienta il nostro cammino
incontro al Padre.

Eucarestia

INNO DI LODE
Immacolata Concezione Specchio di perfezione
Stella del mattino
Salute degli infermi
Rosa mistica
Madre del buon consiglio
Regina della famiglia
Consolatrice degli afflitti
Regina degli angeli
Vergine degna di lode
Regina della pace
PREGA PER NOI
Inno di lode
 
IL MAGISTERO

Sede Apostolica

"La vita senza Dio
non funziona"
BENEDETTO XVI°

Joannes Paulus II°  BenedictusXVI° 
Un'immagine
così_pregarono_i_primi_cristiani.jpg
Sito registrato


Confidiamo in Te 

 

Le Vie dello Spirito

 

  Joannes Paulus II

 

La Casa del Signore

 

Virgo Maria

 

 Benvenuti in www.viedellospirito.it

 

Madre Teresa di Calcutta

 

www.viedellospirito.it: il tuo portale cattolico

 

Padre nostro che sei nei cieli

 

Uniti nell'amore

 

Vie dello Spirito

 

 

 

H O M E arrow ARTE SACRA  arrow Testimonianze arrow Testimonianze di fede arrow La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme
La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme PDF Print E-mail
Image

La Chiesa del Santo
Sepolcro di Gerusalemme
(Israele)


La Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, meglio conosciuta dai cristiani orientali come “Anastasis” o Chiesa della Risurrezione (“Surp Harutyun” in lingua armena), è una delle tante chiese cristiane all'interno della vecchia città entro le mura dell’antica Gerusalemme. È indubbiamente una degli edifici di culto cristiano fra i più visitati. Essa rappresenta il simbolo della stessa fede cristiana, in quanto sintetizza l’immagine della mensa sepolcrale –dopo la Crocifissione- e della Risurrezione del Figlio di Dio, l’Unigenito, il Cristo incarnato.
La chiesa si stende su quel lembo di terra che le Scritture Cristiane identificano come “Golgotha”, ossia la collina del Calvario. Qui gli scritti neotestamentari registrano il sito in cui fu crocifisso Gesù Cristo, assieme a due ladroni. Il luogo dannato –si ricordi che a livello veterotestamentario vigeva un monito “maledetto colui che pende dalla croce-, dedicato alle condanne capitali, era detto –letteralmente- “Cranio” poiché aveva la forma come una calotta cranica.

Image

Dopo la deposizione Giuseppe d’Arimatea -nonostante non fosse in uso né presso i romani, né tantomeno presso gli ebrei- pose le spoglie mortali di Cristo in un Sepolcro, acquistato in fretta, presso il luogo in cui il Signore patì la condanna per crocifissione per inchiodamento. Affannosamente, prima che iniziasse il Sabato, l’uomo dovette ordinare che il Corpo di Gesù fosse avvolto in un telo, deposto in un Sepolcro. Tutte queste operazioni vennero compiute con molta fretta, per scongiurare che il corpo contaminasse i riti precedenti il Giorno Santo per gli ebrei. E così fu. Gesù venne deposto alla belle meglio, poi le donne, di buon mattino, la domenica videro che il masso che impediva l’accesso alla camera sepolcrale era rotolato via. Al posto delle spoglie mortali furono rinvenute solo le vesti.

Image

La Chiesa divenne tappa del pellegrinaggio di molti cristiani poiché celebra, in Gerusalemme, il luogo in cui Gesù è stato sepolto. Dal IV secolo d.C. si costituì un vero e proprio edificio, ciò fu dipeso dall’afflusso dei molti pellegrini, nonché dai cambiamenti adottati dalla politica imperiale nei confronti della religione cristiana e dalla possibilità di manifestarla. L’amministrazione dell’attuale chiesa è sotto l’egida ortodossa e dei Francescani.   Il Santo Sepolcro è un luogo frequentatissimo dalla devozione dei Cristiani residenti ed in pellegrinaggio a Gerusalemme. Esso è situato nel quartiere cristiano della Città Vecchia, riunisce i tre momenti fondamentali della vita santa di Gesù Cristo: la morte, la sepoltura e la resurrezione. Entrò però a far parte delle mura fra il 41 ed il 44, quando Erode Agrippa fece erigere un terzo muro per consentire di integrare anche l’antico Golgota -“Calvaria” in latino-  il luogo del Sepolcro di Gesù. È così che oggi lo troviamo all’interno delle mura, mentre al tempo di Cristo era esterno l’area urbana.
Image
Alla chiesa si accede tramite una singola porta del transetto meridionale. L’accesso è consentito dopo l’apertura che avviene sotto tramite la consegna della chiave d’ingresso. Custode della chiave dal 1192 è la famiglia musulmana Nuseibeh che ne divenne affidataria della custodia per volere di Saladino alfine di mantenere la pace tra le varie fazioni cristiane.Nel XVIII secolo le autorità ottomane dopo lunghi periodi di tensione tra la famiglia Nuseibeh -affidataria della custodia- e gli ottomani, ordinarono che la famiglia Joudeh coadiuvasse i Nuseibeh nel loro compito. Ancor’oggi la famiglia Joudeh aiuta i Nuseibeh conducendo la chiave della chiesa cristiana ad un membro della famiglia Nuseibeh che giornalmente dischiude e serra la porta d’accesso al tempio.
Image
Varcata la soglia dell’ingresso scorgiamo la Pietra dell'Unzione, il luogo dove –la tradizione ritiene- il corpo di Gesù venne disposto per la tumulazione. A occidente –e cioè alla sinistra- si trova la Rotonda dell'Anastasi, ubicata inferiormente alla più grande delle due cupole della chiesa. Centralmente alla cupola è posta l'edicola del Santo Sepolcro. Le chiese ortodossa, cattolica e armena hanno diritto di ingresso all'interno della tomba in base allo status quo. Tutte e tre le comunità quotidianamente vi commemorano la Divina Liturgia della Santa Messa. La Chiesa del Santo Sepolcro è altresì utilizzata per altre cerimonie in particolari occasioni, quali la cerimonia del fuoco santo –celebrata durante il Sabato Santo- celebrata dal patriarca ortodosso di Gerusalemme.
Image

All'interno di una cappella costruita con una struttura in ferro su una base semicircolare in pietra troviamo l'altare usato dalla Chiesa Ortodossa Copta, proprio dietro la rotonda. Poco oltre, posteriormente a quest’ultima troviamo -sul retro della rotonda- una cappella molto grezza che si crede sia la tomba di Giovanni di Arimatea e dove settimanalmente –in ogni Pasqua settimanale- la Chiesa Ortodossa Siriaca celebra la sua solenne liturgia.Alla Chiesa Cattolica è destinata -a destra del Sepolcro- sul lato sud-orientale della Rotonda, la Cappella dell'Apparizione, laddove l’Angelo apparve alle donne accorse al Sepolcro per ultimare i preparativi della sepoltura secondo la tradizione ebraica.
Sul lato orientale -opposto alla rotonda- si trova il “catholicon” greco ortodosso, una struttura risalente all’epoca delle crociate ospitante l'altare principale della chiesa.

Image

Una seconda e più modesta cupola appoggia senza intermediari sopra il centro del transetto che attraversa il coro. Qui troviamo il compas, un “omphalos” un tempo ritenuto essere il centro del mondo. Ad oriente di questo si trova una grossa “iconostasi” che delimita il santuario greco ortodosso, proprio di fronte a questo ha luogo il maestoso trono patriarcale unitamente ad un altro per vescovi celebranti  in visita. Sul lato meridionale dell’altare descritto, preceduto da un “ambulatorio”, è ubicata la scala che conduce alla Cappella del Calvario –o del Golgota-, laddove Cristo trovò l’esecuzione della condanna capitale comminatagli -crocifissione latina per inchiodamento- e successivamente la morte. Questa è indubbiamente la parte più finemente e riccamente decorata della Chiesa. L’altare principale della cappella è della chiesa greca ortodossa, mentre la chiesa cattolica romana ha lateralmente un altare.

Image

Le scale che discendono nella Cappella di Sant'Elena - appartenente agli Armeni- si trovano più ad oriente nell'ambulatorio. Da qui un altro gruppo di scalinate porta alla cattolica Capella della Santa Croce, luogo in cui la Vera Croce di Gesù Cristo fu reperita.
 Monza, Esaltazione della Santa Croce 2007
Prof. ALESSIO VARISCO
Storico dell’Arte e delle Religioni
Direttore rivista “Antropologia Arte Sacra”


IL TUO VOLTO

 Mostraci il tuo volto, o Signore

Di te ha detto
il mio cuore:

"Cercate il suo volto";
il tuo volto, Signore,
io cerco.
Non nascondermi
il tuo volto,
non respingere con ira
il tuo servo.

(Salmo 27,8-9)

 www.viedellospirito.it

Gocce di vita

 Gesù di Nazareth

“Se voi amate solo
quelli che vi amano,
che merito ne avete?
Voi invece amate
i vostri nemici,
fate del bene…
La vostra ricompensa
sarà grande”.
(Lc. 6,32)

“Venite a me voi tutti
che siete stanchi
ed io vi darò
completo riposo…
e troverete pace
per le vostre anime”.
(Mt. 11,28)

“Non hanno bisogno
del medico i sani,
ma gli ammalati;
non sono venuto a
chiamare a penitenza
i giusti, ma i peccatori”.
(Lc. 5,31)

“Beati sarete voi
quando vi oltraggeranno
e perseguiteranno,
e falsamente diranno
di voi ogni male
per cagion mia.
Rallegratevi
ed esultate perché
grande è la vostra
ricompensa nei cieli”.
(Mt. 5,11)

“Il regno dei cieli è
come un granello di
senape, il più piccolo
di tutti i semi, ma
seminato che è
cresce e diventa il
maggiore di tutti e
fa rami si grandi che
gli uccelli del cielo
possono mettersi al riparo
della sua ombra”.
(Mt. 4,31)

“Se il granello di frumento
caduto in terra non muore,
rimane solo,
se invece muore,
produce molto frutto”.
(Gv. 12,21)

"Chi ama la sua vita la perde
e chi odia la sua vita
in questo mondo la
conserva per la vita eterna”.
(Gv. 12,23)

“Il vento spira dove vuole,
e ne senti la voce;
ma non sai di dove viene,
né dove vada;
così di ognuno che
è nato dallo Spirito”.
(Gv. 3,8)

“Perché osservi il bruscolo
che è nell’occhio di
tuo fratello, e non scorgi
la trave che è nell’occhio tuo ?”.
(Lc. 6,41)

“L’uomo dabbene, dal buon
tesoro del suo cuore,
trae fuori il bene,
mentre il perverso, dal suo
cuore pervertito,
trae cose perverse”.
(Lc. 6,45)

“Popolo mio, che male ti ho fatto?
In che cosa ti ho contristato?
Se ti ho fatto del male, percuotimi,
se non ti ho fatto del male
perché mi tratti così?”.
(Lamentazioni)

"L’uomo pio è scomparso dalla terra,
non c’è più un giusto fra gli uomini:
tutti stanno in agguato
per spargere sangue;
ognuno dà la caccia al fratello".
(Michea 7,1)

"Non gioire nella mia sventura,
o mia nemica!
Se sono caduto, mi rialzerò;
se siedo nelle tenebre,
il Signore sarà mia luce".
(Michea 7,8)

"Uomo, ti è stato insegnato
ciò che è buono e ciò che
richiede il Signore da te:
praticare la giustizia,
amare la pietà,
camminare umilmente
con il tuo Dio".
(Michea 6,8)

"Signore da chi andremo?
Solo Tu hai parole di
vita eterna".
(Gv. 6,68)

Vangelo di Giovanni 
viedellospirito

TU ES PETRUS
Santo Padre
Sei la nostra guida:
 su di noi puoi contare. 
Beatissimo Padre
PARTNERSHIP

noicattolici 

Portale Cattolico Italiano

Siamo presenti
sul portale nazionale
www.noicattolici.it  
con i nostri "Videopensieri"
e "Canti di Meditazione" 

Le Vie dello Spirito

 

Santo Spirito

 

La Casa del Signore

 

Le Vie dello Spirito

 

San Pio da Pietrelcina

 

La nostra salvezza

 

Fonte di Vita

 

Santa Croce

 

 Battesimo di Gesù

 

www.viedellospirito.it