header image
H O M E
- - - - - - -
R U B R I C H E
T E M I
V I D E O P E N S I E R I
CANTI DI MEDITAZIONE
- - - - - - -
AS VIAS DO ESPIRITO (En lingua portuguesa)
- - - - - - -
THE WAYS OF THE SPIRIT (In english language)
- - - - - - -
LOS CAMINOS DEL ESPIRITU (En idioma español)
- - - - - - -
WEGE DES GEISTES (Deutsch Sektion)
- - - - - - -
MARIOLOGIA
CATECHESI
SPIRITUALITA'
ARTE SACRA
- - - - - - -
CHI SIAMO
C O N T A T T A C I
L I N K S
LA PARTNERSHIP
FRIENDSHIP - Comments
FRIENDSHIP - Comments
- - - - - - -
RICERCA SUL SITO
- - - - - - -
(New) COOKIE POLICY
- - - - - - -
I NOSTRI BANNER
- - - - - - -
Licenza d'uso del portale
CANTO DI GIOIA

Buon Pastore

Il Signore è il mio Pastore:
non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi
fa riposare,
ad acque tranquille
mi conduce.
Mi rinfranca, mi guida
per il giusto cammino,
per amore del suo nome.
Se dovessi camminare
in una valle oscura,
non temerei alcun male,
perchè tu sei con me,
Signore.

Canto di gioia

 

SOFFERENZA

Passione di Cristo

"Dio mio, Dio mio,
perchè mi hai
abbandonato?
Tu sei lontano
dalla mia salvezza":
sono le parole del
mio lamento.
Dio mio, invoco di
giorno e non rispondi,
grido di notte e
non trovo riposo.
Io sono verme,
non uomo,
infamia degli uomini,
rifiuto del mio popolo.
Da me non stare
lontano,
poichè l'angoscia
è vicina e nessuno
mi aiuta.

Sofferenza

PANE DI VITA

Pane di Vita

Frumento di Cristo
noi siamo
cresciuto nel sole di Dio,
nell'acqua del fonte
impastati,
segnati dal crisma
divino.
Cibo e bevanda di vita,
balsamo, veste, dimora,
forza, rifugio, conforto,
in te speriamo.
Illumina col tuo Spirito
l'oscura notte del male,
orienta il nostro cammino
incontro al Padre.

Eucarestia

INNO DI LODE
Immacolata Concezione Specchio di perfezione
Stella del mattino
Salute degli infermi
Rosa mistica
Madre del buon consiglio
Regina della famiglia
Consolatrice degli afflitti
Regina degli angeli
Vergine degna di lode
Regina della pace
PREGA PER NOI
Inno di lode
 
IL MAGISTERO

Sede Apostolica

"La vita senza Dio
non funziona"
BENEDETTO XVI°

Joannes Paulus II°  BenedictusXVI° 
Un'immagine
pillole.jpg
Sito registrato


Confidiamo in Te 

 

Le Vie dello Spirito

 

  Joannes Paulus II

 

La Casa del Signore

 

Virgo Maria

 

 Benvenuti in www.viedellospirito.it

 

Madre Teresa di Calcutta

 

www.viedellospirito.it: il tuo portale cattolico

 

Padre nostro che sei nei cieli

 

Uniti nell'amore

 

Vie dello Spirito

 

 

 

H O M E arrow ARTE SACRA  arrow Testimonianze arrow Testimonianze di fede arrow La Chiesa del Beato Giovanni XXIII a Paderno di Seriate (Bg)
La Chiesa del Beato Giovanni XXIII a Paderno di Seriate (Bg) PDF Print E-mail

Image

La Chiesa del Beato
Giovanni XXIII^
a Paderno di Seriate (Bergamo)

Una “perfetta cassa armonica luminosa”,
una Bisanzio risorta

Percorrendo la strada provinciale che da Brescia porta a Bergamo, poco prima di entrare nella città di Seriate, svoltando a sinistra per la frazione di Paderno, ci si imbatte nell’ultima Chiesa dell'architetto Mario Botta. Dedicata al Beato Giovanni XXIII si trova a Seriate in provincia di Bergamo, Diocesi che diede i natali ad Angelo Roncalli, nato a Brusicco di Sotto il Monte il 25 novembre 1881, sacerdote nel 1904 e divenuto Pontefice il 28 ottobre 1958 con il nome di un antipapa per presentare al mondo la sua totale ortodossia. Il luogo di culto in oggetto ha visto una lunga gestazione, di circa dieci anni, dall’elaborazione dell’iniziale progetto alla sua definitiva realizzazione.

Image

Sicuramente -come la gran parte delle architetture di Botta- occorre lasciarsi coinvolgere e trasportare dai sentimenti e dalle suggestioni cariche di rimandi mai scontati dell’architetto ticinese. La chiesa del Beato Giovanni XXIII di Seriate può lasciare favorevolmente colpiti, senza riuscire a darsene una spiegazione, oppure apparire troppo lontana. Certamente abbisogna di essere percorsa, girata, visitata con calma, appropriandosi degli spazi ed entrando in colloquio –e soliloquiando fra sé- con la forma quadrangolare, elemento cardine e rimandante alla “naturalità/umanità” del creato rispetto il Creatore. Tutto ciò si realizza nella mediazione “terra” e “cielo”: pietra e vetrate nel caso di Botta. Quattro sono le stagioni, quattro gli elementi (terra, aria, acqua e fuoco), quattro gli Evangelisti, quattro i punti cardinali, quattro i lati della Gerusalemme Celeste della “Rivelazione di Gesù Cristo” –meglio conosciuta come Apocalisse-.

Apriamo qui una piccola digressione sul concetto “quattro” -fortemente simbolico- utilizzato nell’architettura bottiana  di cui chiediamo venia. A livello numerico, per quanto concerne la simbolica numerica, il numero quattro, ed il significato simbolico ad esso associato, è l’antitesi del “tre” (numero di perfezione e compimento, chiave dell’universo ed il più adatto a Dio, persino considerato –da Agostino- il numero dell’anima) poiché rappresenta la “corporeità”, il “corpo”, l’“umano” che si oppone al divino. Perciò il quattro designa l’universo terreno, sono i quattro fiumi del Paradiso –Pison, Ghicon, Hiddekel (meglio noto come Tigri), Eufrate- che irrigano i quattro paesi della Terra. Quattro sono gli “humores” nell’uomo (Adam) e cioè sanguigno, flemmatico, collerico, melanconico; e pure le lettere che compongono la parola Uomo in aramaico sono esattamente “quattro”; come le direzioni: anatolé, dysis, àrktos, mesembrìa (vale a dire nord, sud, est, ovest). In opposizione alle “virtù teologali” (fede, speranza e carità) quelle dette “cardinali” sono quattro; gli autori dei Vangeli (Marco, Matteo, Luca, Giovanni), i Profeti Maggiori (Isaia, Ezechiele, Daniele) e i dottori della Chiesa (Agostino, Ambrogio, Gerolamo, Gregorio Magno). Il “tetramorfismo” è concetto cardine del genere apocalittico, si pensi ai Quattro Viventi, i Quattro cavalieri dell’Apocalisse. Quest’ultimo libro deve aiutarci a comprendere la diffusione quadrocubica tanto diffusa nell’erezione di templi cristiani poiché la Città Celeste è cubica.

Torniamo all’edificio in oggetto. Trovandovisi di fronte, avvicinandosi a poco a poco, giungendo quasi ai suoi piedi si riesce a far scorrere lo sguardo sui corsi di pietra regolari che si conseguono sino alla punta.
Ciò che mi è ritornato alla mente guardando i bozzetti iniziali del progetto ora realizzato è stata una frase di Botta che lasciò durante un’intervista al Politecnico di Milano che diceva che l’architettura moderna deve parlare di “levità” divenendo e lanciando quasi una sfida -e qui entra in gioco la tecnica e la tecnologia- con la pesantezza dei corpi. La struttura sacra di Paderno di Seriate si percepisce come un’imponente mole alleggerita dalla particolarità di alcune sue geometrie, non mere textures, che ne ingentiliscono la complessità.  
 
«Il sito della nuova chiesa dedicata a Papa Giovanni XXIII si trova a lato della chiesetta settecentesca di S. Alessandro Martire in località Paderno-Seriate a Sud di Bergamo. Nei dintorni si è consolidato un insediamento urbano sparso con residenze ai lati della strada che collega Bergamo a Seriate. Nella composizione planimetrica del nuovo impianto la chiesa esistente definisce il lato nord-ovest di uno spazio rettangolare antistante la nuova chiesa mentre sul lato sud-est un volume allungato ad un solo piano contiene l'abitazione del parroco e altri servizi che si concludono oltre la chiesa verso la campagna con l'oratorio e le aule di catechesi organizzate nel piano superiore». [Mario Botta]

Una Chiesa dedicata a Papa Giovanni XXIII -voluto Beato dal compianto Papa Giovanni Paolo II- è un complesso cristiano, un “piccolo cosmo” composto da: chiesa, casa del sacerdote, centro per la realizzazione della pastorale di zona. L’area è limitrofa la chiesetta di Sant’Alessandro -santo patrono del capoluogo di provincia, Bergamo- martire (il cui campanile rimane attivo anche per la nuova chiesa, che ne è sprovvista); la nuova chiesa sorge vicina alla vecchia, ha però ora la mera funzione di cappella feriale. La nuova chiesa ha, dalla pianta quadrata, è stata disegnata conformemente ai dettami post-conciliari e le più recenti indicazioni liturgiche.

Seriate è un paese in provincia di Bergamo di 21628 abitanti dall’ultimo dato statistico del Comune risalente al 2004, nel giro di settant’anni il comune ha triplicato la propria popolazione.

Il progetto di una nuova Chiesa per la frazione di Paderno, che aveva visto aumentare notevolmente la popolazione, era fortemente richiesto dai parrocchiani poiché non bastava più lo spazio della chiesa di Sant’Alessandro, inizia nel 1994 quando Mario Botta riceve l’incarico dai committenti, Parrocchia del Santissimo Redentore e Comune di Seriate, e termina nell’anno 2000. L’edificio sorge in località Paterno di Seriate, Bergamo. La realizzazione della struttura per un totale di 2137 m² di area costruita, su di un terreno di 17'000 m², la chiesa misura 741 m² ed il centro parrocchiale è di 1396 m², il volume fuori terra è di 16'500 m³. La direzione dei lavori di cantiere sono stati affidati a Guglielmo Clivati di Seriate.

Ed anche qui in Seriate notiamo un’attitudine naturale in Botta alla rievocazione del fascino dei luoghi di culto di storica memoria, di stilemi arcaici, questo ancora una volta il leitmotiv dell’architetto ticinese incline a monologhi con il passato. Forse è questa la vera ed assoluta grandezza di Mario Botta, accusabile di auto-referenzialismo da parte di molti colleghi, certamente un astro luminoso dell’architettura moderna che invece accusa un'innegabile ricerca di spettacolarità. Troviamo ovunque disseminati –Roma, Parigi, Milano, Londra, New York, Tokio- edifici veementi (litigiosi con il loro intorno, a volte troppo scomodi ed invasivi) e appariscenti. Si palesa così un’architettura celebrativa di se stessa, delle proprie linee, delle cause formali, della scuola, nonché dell'architetto, ma principalmente del richiedente, che così facendo magnifica il potere di cui dispone. Nell’ultimo decennio si è ritornati a costruire grattacieli, mausolei del businessman, come una sorta di gara -in altezze- che attraversa il pianeta dalle capitale orientali, Hong Kong e Shanghai, alle più occidentali, New York.

Come un tempo si alzavano campanili, conventi e cattedrali che dominavano il tessuto urbano e gli altri edifici facendo accorrere il popolo al timore di Dio ed alla preghiera nella fede. Ora si edificano “templi pagani”, ma non scarseggiano tuttavia le eccezioni, difatti, nell'epoca di un supermoderno melenso e ritrito, dell'effimero, del disdicevole, dello scontato e persino del cattivo gusto, si torna a innalzare chiese, per necessità di spiritualità, di fedeli, di nuovi centri residenziali (a volte in quartieri un tempo meno popolosi e più rurali o disabitati) e per avversare il sapore del sovrabbondante, dei linguaggi inflazionati e mediatici, del culto dell'immagine e della esteriorità.

Sicuramente si sono distinti alcuni architetti, e tra questi si è quasi costruita un’attenzione particolare a questo tipo di “fabbricati” e strutture. Questa nuova generazione di progettisti si è dedicata a queste progettazioni, manifestandosi orientati alla reminiscenza del richiamo dei luoghi di culto di memoria storica. Purtroppo si sono creati “status” e stilemi un po’ ripetuti. Non è il caso di Mario Botta.

Particolare l’attenzione dell’architetto ticinese per gli antistanti spazi: difatti attorno alla chiesa è stata mantenuta un'area verde con due rogge. Così pure il verde pubblico del vialetto alberato è preesistente. Nelle vicinanze della chiesa è presente acqua. Ciò può suggerirci che già in questo stesso luogo vi fossero insediamenti celti e, nei tempi più antichi, fosse un luogo di culto. Mario Botta, architetto luganese del Canton Ticino, giunge da una zona in fatto di storia dell'arte può dir molto, essendo la patria dei Maestri Comacini.

La Chiesa è costruita in modo molto organico: tutti gli spazi edilizi sono legati fra di loro da accessi pedonali. Per raggiungere l'ingresso della chiesa si passa il lungo corridoio che misura circa un centinaio di metri, costituito dal porticato che collega la casa del sacerdote con la sala multiuso e il Centro per la pastorale. Questo complesso ospita anche uffici, un bar, spazi ricreativi, le dieci aule per  il catechismo o riunioni di gruppo. A sud della chiesa si trovano aree verdi attrezzate per lo sport dei più giovani.

L’aspetto che si porge agli occhi del visitatore è quello di un immenso prisma di pietra, con «piani geometrici - come egli stesso sostiene descrivendola- rigorosamente definiti»; il materiale di rivestimento è  la pietra rossa di Verona. La parte più elevata delle quattro pareti è di circa 23 metri.

Sulla facciata principale, direttamente sulla parete, è incisa profondamente una croce che troneggia e ci fa intuire che quella maestà di forme ed arditezza stilistica è per gloria a Lui. Il portone principale, che funge anche da porta processionale per le funzioni solenne, è realizzato da vetrate che, dall'interno, sono estremamente emozionanti. Coinvolgenti, per contrasto, anche gli altri due portoni, posti ai lati, costituiti da pesanti portali in metallo.

La geometria –nonostante il coinvolgimento, l’emozione luminosa, pare di essere “ovattati di luce” e sospesi fra cielo e terra- appare alquanto grave. Dall'esterno si accede all'unica aula interna di forma quadrata di circa 25 metri per lato. L'essenzialità delle forme può lasciare certamente colpiti. Forse è l’ana-iconicità a renderla così “impressionante”. Mi ricorda certe forme della dimensioni aurea.
Ascoltando il silenzio, mentre cammino al suo interno, penso alle parole di un Amico, Padre Giuseppe Magrino, che durante il Giubileo confrontandosi con mia Madre pittrice citava le parole del Te Deum che stava componendo «Santo e terribile è questo luogo, è la casa di Dio, è la Porta del Cielo!».
Janua Coeli. Neppure il bisogno di scriverlo sull’architrave… è implicitamente esplicitato dalla dialettica delle forme che si svolgono dalla processione della penna del Maestro Botta! Shekinah. Per dirla in ebraico: “Casa di Dio”.

Un’atmosfera “unica” «una perfetta –spiega il progettista- cassa armonica luminosa», impareggiabile ed inequivocabilmente singolare: pareti rivestite da lamelle di legno orizzontali laminato in foglia d'oro che trasformare la chiesa in una –passatemi il termine- “bomboniera di luce”.

All'ingresso del Centro Parrocchiale ci si ritrova si ha la sensazione di fare un passo nella storia e di esser ripiombati in una “Bisanzio risorta”. Lo sguardo si perde verso l'alto, sia all’esterno che all’interno.
All’interno si è frastornati dall'oro che sfolgora rivestendo l'intero edificio. Scampati allo sfolgorio accecante: l'altare, le due absidi con il solenne Cristo crocefisso, e due volti di donne addolorate (desunte dalla celebre fotografia dell'Afghanistan, dove l'araba sofferente era acconto ad una donna morente).

La zona di culto è animata di una forma più perfetta del quadrato: il cerchio. Il quadrato è simbolo dell’umano: i “quattro viventi” e i quattro Angeli dell’Apocalisse, le quattro stagioni (che segnano ineludibilmente il passaggio del tempo) e i quattro Evangelisti (appunto quattro “uomini”, creature che si dispongono alla trasmissione). L’area presbiteriale è semicircolare e termina in una doppia abside. Una scultura di Giuliano Vangi raffigurante la Crocifissione spicca sulla parete.

Si è attratti dal pavimento, dall'ambone-pulpito e dall'acquasantiera in pietra di Verona lucidata, ben efficace a fianco dell'oro.
Come si può notare girando attorno all’enorme cubo, il fabbricato non ha finestre aperte al di fuori. Per dare luce all’altare, si nota dalle foto, e creare una stupenda scenografia al suo interno, l’architetto ha squarciato quattro grandi lucernari dalla struttura cubica. Botta li ha premeditatamente sistemati in modo tale da catturare la luce del sole allo zenith. Ciò evoca un equilibrio fra gli elementi, terra e il cielo, e crea quella intima relazione tra la creaturalità e il Divino.
L’elemento “luce” giunge quindi solamente dall'alto. L’unica eccezione è data da un gioco ad effetto della facciata che presenta una spettacolare vetrata.

Osservando l'edificio dall'alto, facilmente si ha la sensazione che questa chiesa sia consimile ad un fiore di pietra, dischiuso eternamente verso la Luce , proteso verso la sua ricerca. Non è scontata questa notazione. L’aspetto simbolico è molto importante sia per l’architetto -che ha sottolineato veramente bene-, sia per la funzione liturgica e i nuovi requisiti in merito di architetture sacre.
L’acquasantiera è realizzata in pietra rossa di Verona, come la maggior parte degli arredi, ed è l’unica in tutta la Chiesa. Di medesimo materiale: lo zoccolo di rivestimento ed il pavimento. Il rivestimento ligneo, più in alto, conferisce calore all'insieme e scalda, stemperandosi a seconda dell’incidenza della luce proveniente dall’esterno.

Quando a Seriate è stato inaugurato il nuovo Centro Pastorale Giovanni XXIII, l'effige del Papa buono compariva da uno schermo tv collocato vicino all'altare.

Era una delle tante Chiese progettata dall'architetto Mario Botta che sta svolgendo sollecitamente la Chiesa del Santo Volto a Torino. La Diocesi di Bergamo non dista che pochi chilometri da un’altra sua chiesa costruita in Brianza, a Merate, nella frazione di Sartirana; anche la struttura meratese è costituita dalla chiesa e dall'oratorio parrocchiale, insomma non mero insediamento sacro, ma volontà di aggregazione del tessuto urbano in medesimo progetto.

“Sacralità della pietra”… forse il titolo della mostra fiorentina allestita nella gipsoteca dell’Istituto Statale d’Arte della Città del Giglio deve la sua origine ad un poeta del Novecento che ha trascorso i suoi ultimi giorni non distante dall’area dove sorge la Chiesa del Beato Giovanni XXIII.

David Turoldo, sacerdote servita, attivo poeta e commentatore in versi delle Sacre Scritture venne nella bergamasca, esattamente a Fontanelle, un’amena località fra viti e foreste quelle percorse quotidianamente da Angelo Roncalli per recarsi al seminario vescovile di Bergamo. Padre David scrive «le pietre cantano» guardandosi forse intorno nella sua stupenda chiesetta ad un paio di chilometri da Sotto il Monte.

Qui Botta è riuscito a far cantare una pietra, quella rossa di Verona, tipica peraltro delle decorazioni di molti altari dal Quattrocento in poi.
Elemento architetturale in molte sue architetture, ed anche qui, la luce.
Nella chiesa del Beato Giovanni XIII la luce è zenitale, sopraggiunge dal cielo per mezzo dei quattro lucernari. Particolare la permanenza nell’edificio: si può notare cambiamenti di gradazioni e di intensità luministica.

La luce dunque dà vita e cambia gli spazi a seconda del variare delle stagioni; invade le panche (sedute molto comode per un’architettura moderna che di solito non invitano alla permanenza prolungata e dissociano invece la vocazione del luogo di culto alla preghiera, anche prolungata) di legno chiaro che danno accoglienza ai fedeli.

Il rivestimento interno con doghe di legno disposte orizzontalmente -composte da minuscole listarelle di legno avvicinate, in lamellare- usate anche per le cornici dei quadri, mettono in risalto una scultura lignea antica, raffigurante la Madonna con il Bambino.

Dopo dieci anni di lavori Botta ha terminato quest'opera in neppure sei mesi. La chiesa è costata complessivamente circa nove milioni di euro. Esternamente l’edificio è organizzato da una struttura portante in cemento armato, a base quadrata, muro ricoperto trattato a spacco, rivestito da pietra di Verona, che si solleva sul fronte sino a 23 metri, con il lato di 25, dall’immagine austera, con spaccature e forme molto regolari.

Il complesso della nuova chiesa e centro parrocchiale comprende anche la chiesetta del '700 sul lato di nord-est, mentre su quello di sud-est si allunga un corpo edilizio, ad un piano, con colonnato, ospitante: la casa del parroco, le sale per la catechesi, il bar e altri servizi che si inoltrano oltre la chiesa, verso i campi; l’oratorio e le sale sono disposte su due piani, il verde è l’elemento indispensabile del panorama.

L'effetto suscitato nei numerosi visitatori accorsi per poter apprezzare la chiesa tutta d'oro è estremamente elegiaco, ascetico, ad un tempo indecifrabile, nuovo ed antico.

Dopo la rielaborazione, tutt'ora al centro di vigorose polemiche, del Teatro alla Scala di Milano, il ticinese Botta. Ora il creatore di chiara fama, conosciuto in tutto il mondo, celebra una struttura alla memoria del “Papa Buono”, in onore di Angelo Roncalli tanto amato dagli italiani. E parrebbe, anche a detta dei critici, aver oltrepassato se stesso.

Mario Botta ci spiega che «lo spazio della Chiesa, come in passato, deve durare nel tempo, sfuggire alle leggi del consumo, resistere almeno due secoli».
Ed è ciò che auguriamo e speriamo di ottenere per questa pregevole architettura di luce.

IL TUO VOLTO

 Mostraci il tuo volto, o Signore

Di te ha detto
il mio cuore:

"Cercate il suo volto";
il tuo volto, Signore,
io cerco.
Non nascondermi
il tuo volto,
non respingere con ira
il tuo servo.

(Salmo 27,8-9)

 www.viedellospirito.it

Gocce di vita

 Gesù di Nazareth

“Se voi amate solo
quelli che vi amano,
che merito ne avete?
Voi invece amate
i vostri nemici,
fate del bene…
La vostra ricompensa
sarà grande”.
(Lc. 6,32)

“Venite a me voi tutti
che siete stanchi
ed io vi darò
completo riposo…
e troverete pace
per le vostre anime”.
(Mt. 11,28)

“Non hanno bisogno
del medico i sani,
ma gli ammalati;
non sono venuto a
chiamare a penitenza
i giusti, ma i peccatori”.
(Lc. 5,31)

“Beati sarete voi
quando vi oltraggeranno
e perseguiteranno,
e falsamente diranno
di voi ogni male
per cagion mia.
Rallegratevi
ed esultate perché
grande è la vostra
ricompensa nei cieli”.
(Mt. 5,11)

“Il regno dei cieli è
come un granello di
senape, il più piccolo
di tutti i semi, ma
seminato che è
cresce e diventa il
maggiore di tutti e
fa rami si grandi che
gli uccelli del cielo
possono mettersi al riparo
della sua ombra”.
(Mt. 4,31)

“Se il granello di frumento
caduto in terra non muore,
rimane solo,
se invece muore,
produce molto frutto”.
(Gv. 12,21)

"Chi ama la sua vita la perde
e chi odia la sua vita
in questo mondo la
conserva per la vita eterna”.
(Gv. 12,23)

“Il vento spira dove vuole,
e ne senti la voce;
ma non sai di dove viene,
né dove vada;
così di ognuno che
è nato dallo Spirito”.
(Gv. 3,8)

“Perché osservi il bruscolo
che è nell’occhio di
tuo fratello, e non scorgi
la trave che è nell’occhio tuo ?”.
(Lc. 6,41)

“L’uomo dabbene, dal buon
tesoro del suo cuore,
trae fuori il bene,
mentre il perverso, dal suo
cuore pervertito,
trae cose perverse”.
(Lc. 6,45)

“Popolo mio, che male ti ho fatto?
In che cosa ti ho contristato?
Se ti ho fatto del male, percuotimi,
se non ti ho fatto del male
perché mi tratti così?”.
(Lamentazioni)

"L’uomo pio è scomparso dalla terra,
non c’è più un giusto fra gli uomini:
tutti stanno in agguato
per spargere sangue;
ognuno dà la caccia al fratello".
(Michea 7,1)

"Non gioire nella mia sventura,
o mia nemica!
Se sono caduto, mi rialzerò;
se siedo nelle tenebre,
il Signore sarà mia luce".
(Michea 7,8)

"Uomo, ti è stato insegnato
ciò che è buono e ciò che
richiede il Signore da te:
praticare la giustizia,
amare la pietà,
camminare umilmente
con il tuo Dio".
(Michea 6,8)

"Signore da chi andremo?
Solo Tu hai parole di
vita eterna".
(Gv. 6,68)

Vangelo di Giovanni 
viedellospirito

TU ES PETRUS
Santo Padre
Sei la nostra guida:
 su di noi puoi contare. 
Beatissimo Padre
PARTNERSHIP

noicattolici 

Portale Cattolico Italiano

Siamo presenti
sul portale nazionale
www.noicattolici.it  
con i nostri "Videopensieri"
e "Canti di Meditazione" 

Le Vie dello Spirito

 

Santo Spirito

 

La Casa del Signore

 

Le Vie dello Spirito

 

San Pio da Pietrelcina

 

La nostra salvezza

 

Fonte di Vita

 

Santa Croce

 

 Battesimo di Gesù

 

www.viedellospirito.it